Non bastano due ruggiti di capitan Guerra. Il Real Rogit espugna di misura il palaTricoli

06.05.2019- Davanti a una gran cornice di pubblico si è svolto il primo turno della sfida play off tra Real Cefalù Uniolympo e Real Rogit.

Due squadre che hanno offerto uno spettacolo da massima serie in questo primo match che è andato ai calabresi di mister Tuoto per due reti a tre. Un risultato che lascia ancora aperta la qualificazione che si giocherà sabato 11 maggio a Rossano (CS).

Prima del match la Vuelle 3, sponsor tecnico della compagine cefaludese ha voluto omaggiare con un riconoscimento mister e società (a ritirarlo il Presidente Calogero Di Carlo) per la stagione straordinaria svolta dai leoni. Mister Nino Rinaldi presenta il quintetto titolare formato da La Rocca, Guerra, Di Maria, Fabinho e Lopez. Dall’altra parte Tuoto manda in campo Soso, Menini (ex di turno), Bavaresco, Bassani e il capocannoniere del girone C Silon. La partita parte fin dai primi secondi con ritmi alti. A provarci per primo è Di Maria che trova pronto Soso. Si fanno vedere anche gli ospiti con Bassani che calcia e trova La Rocca tra se e il gol. Il portiere di movimento è di casa sia da una parte che dall’altra, comincia prima il Real Cefalù al terzo minuto circa con Fortuna che prende il posto di La Rocca,risponde Tuoto con Soso che esce dai pali per alimentare un’azione d’attacco dei suoi. Al minuto 5’38’’ sono gli ospiti ad andare in vantaggio con Menini che imbecca a centro area Silon che infila il pallone in rete per il vantaggio sei suoi. Subito pronta la reazione dei ragazzi di Rinaldi che ci provano con Fabinho. Arriva il Raddoppio degli ospiti con Bassani al minuto 9’13’’. Uno 0-2 che accuserebbe qualsiasi squadra ma non i leoni feriti cefaludesi. Pedro Guerra, capitano della compagine normanna sprona i suoi a una scossa mentale, si carica la squadra sulle spalle e dopo un giro d’orologio dal secondo gol ospite, su azione da portiere di movimento accorcia le distanze per poi pareggiare i conti a 1’50’’ dal fischio della fine primo tempo con un azione solitaria sfruttando anche un rimpallo favorevole.

Nella seconda frazione di gioco ci sono state novità nei quintetti rispetto quelli iniziali. Tra i padroni di casa entra Fortuna per Lopez e tra gli ospiti Arcidicacone per Bassani. Il ritmo partita non si abbassa, la posta in palio è alta e le due formazioni lo sanno bene. Soso Miracoloso su Di Maria, dalla parte opposta La Rocca vola e salva il risultato su un tiro di Soso. Il Rogit continua la ricerca del nuovo vantaggio con Silon che calcia di poco fuori, qualche istante dopo il giaguaro venezuelano che difende la porta cefaludese è ancora decisivo nel respingere prima un tiro avversario e poi a salvare su Silon bravo con un colpo di testa a rimorchio. Nel finale Soso con palla tra le mani spinge Fortuna (poteva starci una carica al portiere) e innesca un’azione che si conclude con il gol di Silon al minuto 15. La reazione cefaludese c’è come sempre, Fabinho mette un pallone rasoterra in area che però non trova nessun compagno a battere a rete con la palla che si spegne in rimessa laterale. Finisce con il risultato a favore degli ospiti che di misura battono un Real Cefalù Uniolympo ferito ma assolutamente non abbattuto. Un risultato che non pregiudica nulla in vista del match di ritorno sabato prossimo in terra calabra.

 

REAL CEFALÙ-REAL ROGIT 2-3 (2-2 p.t.)
REAL CEFALÙ: La Rocca, Guerra, Di Maria, Fabinho, Lopez, Fortuna, Montelli, Mantia, Cirrincione, Molaro, Siragusa, Piazza. All. Rinaldi

REAL ROGIT: Soso, Silon, Menini, Bavaresco, Bassani, Panarotto, Arcidiacone, Minnella, Dalle Molle J., Milito, Dalle Molle M., Campana D.. All. Tuoto

MARCATORI: 5’38” p.t. Silon (R), 9’13” Bassani (R), 10’25” Guerra (C), 18’10” Guerra (C), 15′ s.t. Silon (R)

AMMONITI: Montelli (C), Bavaresco (R), Fabinho (C)

 

Giacomo Lombardo
Addetto stampa
A.S.D. Pol. Real Cefalù Uniolympo

Il sito è gestito da

Claudio Pepoli
claudio.cla@virgilio.it
 

 

 

Portale di informazione sullo sport e il tempo libero cefaludese aggiornato senza carattere di periodicità.
Non è un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i diritti riservati.