Calciatore aggredito per aver difeso compagno da insulti razzisti

a rischio perdita di un occhio

13.03.2017- Torino (askanews). Ha difeso in campo il compagno di squadra da insulti razzisti. E’ stato aggredito dopo la partita, ed è ora ricoverato all’ospedale San Giovanni Bosco di Torino.

Colpito in faccia con un pugno rischia di perdere un occhio. E’ accaduto ieri in una partita di terza categoria tra l’Atletico Villaretto e la Mappanese. Una partita tesa, spigolosa con qualche parola e scorrettezza di troppo. Tanto che Mbaye Mamadou, calciatore del Villaretto di origini senegalesi, viene espulso per una gomitata.

E’ la scintilla che accende gli animi. Mbaye viene insultato, “Negro di m…”, i compagni reagiscono, e il capitano Gianluca Cigna, 28 anni è in prima fila a prendere le sue parti. Qualche spintone, si sfiora la rissa, ma la partita viene portata alla conclusione, sembra finità lì.

E invece Gianluca, viene aggredito dopo il match da più persone. Continua a leggere...

(Fonte: Virgilio Notizie)

Il sito è gestito da

Claudio Pepoli
claudio.cla@virgilio.it
 

 

 

Portale di informazione sullo sport e il tempo libero cefaludese aggiornato senza carattere di periodicità.
Non è un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i diritti riservati.