Raduno Fiat 500

8 maggio 2005

In “500” sul lungomare di Cefalù per questo primo simpatico FIAT Raduno organizzato da due cefaludesi, Maggio Pasqualino e Di Fatta Salvatore, e che ha visto l’adesione di dieci Fiat 500, due 126, una 600 (giunta all’ultimo minuto) e persino un’autobianchi 112 abarth. La quindicesima autovettura una Fiat 500 con motore da mille cc e assetto da corsa, con volante e sedile centrale e rollerbar di protezione è stata oggetto di grande attenzione da parte dei presenti, ma proprio per le sue caratteristiche da competizione è stata esclusa dal giro trattandosi di un circuito aperto e non essendo essa omologata per la circolazione stradale. Sono sicuro comunque che ciascuno di noi alla vista di questa splendida vettura si è sentito per qualche momento riportato indietro nel tempo all’epoca della non più edita cronoscalata Cefalù-Gibilmanna che tanto ci entusiasmava e dove proprio le Fiat 500 erano apprezzate dal publico per le loro straordinarie performance. Ci auguriamo di rivederle al più presto gareggiare.

L’intento degli organizzatori è quello di rivalutare un pò le qualità di questa macchina che da sempre è stata oggetto di culto per gl’intenditori d’auto storiche, e quello di oggi potrebbe solamente essere il primo di una lunga serie di eventi che intende coinvolgere gli appassionati della 500 (e non solo).
Il Raduno ha avuto inizio alle ore 9.00 di domenica 8 maggio 2005, sul lungomare di Cefalù ove si sono completate le iscrizioni, mentre i presenti hanno avuto modo di ammirare le vetture, quindi dopo aver sfilato per le vie del centro storico hanno proseguito per il giro delle Madonie, come da programma.

Itinerario completo: Cefalù-Isnello-Collesano-Campofelice per un totale di 60 km.

(Foto: Franco Giambelluca)
 

Sostieni

Facebook Comments Box

Il sito è gestito da

Claudio Pepoli
claudio.cla@virgilio.it
 

 

 

Portale di informazione sullo sport e il tempo libero cefaludese aggiornato senza carattere di periodicità.
Non è un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001. Tutti i diritti riservati.